Prenota

SINTESI DELLA PROCEDURA DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID-19 

Soggiorni Sicuri

Prenota ora

Migliore tariffa online

INSERISCI LE DATE DEL TUO SOGGIORNO

Nella nostra filosofia, la salute dei nostri clienti e collaboratori viene al primo posto. Da sempre l’Hotel Horizon si colloca in prima linea come location modello per qualità ed igiene. Per questa ragione abbiamo elaborato un protocollo interno volto non solo a contenere la diffusione del Covid 19, ma anche garantire maggiore sicurezza e piacevole esperienza di soggiorno.

Le camere e i luoghi comuni sono dotati di sanificatori di aria Pure & Clean Tecnologia Active Pure, certified Space Technology by NASA, che agiscono 24 ore su 24.

 

L'ingresso alla struttura è regolamentato da un termoscanner che rileva temperatura corporea e presenza di mascherina.

FORMAZIONE E INFORMAZIONE

Tutto il personale dell’Hotel Horizon è stato opportunamente formato sulle procedure che sono attuate rigorosamente.

L’azienda, attraverso le modalità più idonee ed efficaci, informa tutti i lavoratori, i clienti e chiunque entri in azienda circa le disposizioni della vigente normativa, consegnando e/o affiggendo all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili appositi depliants informativi, l'elenco delle 10 regole da rispettare così come indicato dal Ministero, una copia del Protocollo condiviso del 24/04/2020.

 

MODALITA’ DI INGRESSO
All'ingresso è allestita una postazione di misurazione della temperatura e rilevazione della mascherina (termoscanner elettronico). Nel caso in cui la temperatura corporea risulterà superiore ai 37,5°, e in caso di tosse o difficolta respiratoria non sarà consentito l’accesso ai luoghi di lavoro.

La misurazione avviene nel rispetto dell'attuale normativa sulla privacy.

Accesso fornitori

I fornitori non avranno alcun contatto con il personale dell'Azienda percorrendo passaggi ad uso esclusivo. Nei luoghi di carico/scarico è assicurato che le necessarie operazioni avvengano con modalità che non prevedano contatti diretti tra operatori ed autisti o nel rispetto della distanza di un metro.

 

RICEVIMENTO
Nella Hall e negli altri ambienti comuni è sempre obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro tra una persona ed un’altra. Per agevolare il rispetto della distanza, si affiggono dei cartelli informativi.

E’ messo a disposizione del personale e degli ospiti gel con una concentrazione di alcol al 60-85% per l’igiene delle mani.

Gli addetti al servizio di ricevimento sono dotati di sistemi di riconoscimento e di dispositivi di protezione individuale necessari al corretto svolgimento del lavoro loro affidato: guanti (se necessari) e mascherina.

Nelle aree comuni gli ospiti devono indossare la mascherina nelle situazioni nelle quali non è possibile assicurare il distanziamento fisico previsto dalle normative vigenti.

Mascherine, guanti monouso e disinfettante per superfici, ove possibile, saranno a disposizione degli ospiti che ne facciano richiesta, eventualmente anche a pagamento.

Al fine di agevolare lo smaltimento dei dispositivi di protezione utilizzati dagli ospiti, si collocano cestini portarifiuti dotati di un sacchetto per permettere di svuotarlo senza entrare in contatto con il contenuto.

 

Al fine di evitare assembramenti e ridurre il tempo di permanenza nell’area di ricevimento potrebbe essere richiesto agli ospiti di inviare all’hotel, prima dell’arrivo, tutte le informazioni necessarie per la registrazione, nonché copia del documento di identità che sarà esibito all’arrivo.

Ogni qual volta sia possibile, si limita allo stretto necessario il contatto delle mani con gli oggetti degli ospiti. Le chiavi delle stanze vengono pulite o sostituite ad ogni cambio dell’ospite. Per la movimentazione dei bagagli è previsto l’utilizzo dei guanti

 

L’utilizzo degli ascensori è consentito ad 1 persona per volta in modo da consentire il rispetto della distanza interpersonale. La distanza può essere derogata in caso di persone che fanno parte dello stesso nucleo familiare o che condividono la camera. I pulsanti degli ascensori vengono puliti frequentemente.

 

Assistenza agli ospiti e richieste di interventi

Gli addetti al ricevimento sono in grado di favorire l’accesso ai servizi sanitari. A questo fine, presso la reception sono disponibili i numeri di telefono da contattare in caso di necessità: numero unico di emergenza (112), numero Covid Regionale 800936677.

Le istruzioni riguardanti il comportamento da tenere in presenza di persone con febbre e/o sintomi respiratori sono contenute nell’apposita sezione del presente protocollo.

 

 

PULIZIA E SANIFICAZIONE IN AZIENDA, QUALITA' DELL'ARIA INDOOR

L’azienda assicura la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago.

La pulizia quotidiana è effettuata secondo la prassi in uso nell’azienda, impiegando detergenti adeguati alle diverse tipologie di materiale trattato, nel rispetto delle indicazioni di utilizzo fornite dai produttori.

La sanificazione dell’ambiente è l’attività che riguarda il complesso di procedure e operazioni atte a rendere salubre un determinato ambiente mediante interventi di detergenza e successiva disinfezione, ad esempio con una soluzione di ipoclorito di sodio diluita allo 0,1% o con alcool etilico al 70% per le superfici che possono essere danneggiate dall’ipoclorito di sodio nel rispetto delle indicazioni di utilizzo fornite dai produttori.

 

Gli ambienti comuni e le camere sono dotati di sanificatori Pure & Clean Tecnologia Active Pure che agiscono 24 ore su 24.

 

Modalità operative di svolgimento del servizio ai piani

Gli addetti al servizio di pulizia e rifacimento delle camere e di pulizia delle aree comuni sono dotati di dispositivi di protezione individuale necessari al corretto svolgimento del lavoro loro affidato: guanti, mascherina, cuffia per i capelli (se necessaria), calzature idonee ad essere sanificate.

Quando possibile, si evita la presenza contemporanea di più addetti nella medesima camera. In ogni caso, durante la pulizia delle camere l’ospite non deve essere presente.

 

La pulizia della stanza viene effettuata con diverse modalità a seconda che sia già occupata da un ospite (fermata) o che sia destinata ad accogliere un nuovo ospite (partenza). Nel caso di fermata la stanza viene pulita secondo la prassi regolare. Nel caso di partenza la stanza sarà sanificata.

È facoltà dell’ospite richiedere che durante il soggiorno il personale addetto alle pulizie non faccia ingresso in camera.

Dopo ogni fase del ciclo di pulizia i guanti vengono cambiati. I rifiuti presenti vengono gettati nel cestino, dotato di sacchetto. Il sacchetto contenente i rifiuti viene chiuso e riposto nello scomparto dei rifiuti del carrello. La pulizia riguarda tutte le superfici che sono venute a contatto con l’ospite, quali comodini, scrivania, sedie, tavolini, eventuali suppellettili, telefono, telecomando, maniglie e pulsantiere, armadi e cassetti. Il materiale di pulizia (panni, salviette e quanto necessario per la pulizia e la spolveratura) è monouso o precedentemente trattato con una soluzione di ipoclorito di sodio 2% per 10 minuti o con altro trattamento di pari efficacia.

I pavimenti vengono puliti e sanificati con prodotti adeguati alle diverse tipologie di materiali.

Nelle aree comuni tutti gli elementi che vengono a contatto ripetuto con gli ospiti, quali maniglie, maniglioni, pulsantiere etc. vengono puliti ad intervalli regolari in funzione del livello di utilizzo

 

Modalità operative del servizio nelle aree comuni di soggiorno e svago

La zona di soggiorno e svago, come ogni altra area della struttura in cui sono presenti diverse persone è periodicamente areata. I pavimenti vengono lavati e sanificati con prodotti adeguati alle diverse tipologie di materiali almeno due volte al giorno, e comunque con una frequenza adeguata all’affollamento delle stesse nel corso della giornata.

Per il mobilio e tutte le superfici di contatto si procede come avviene per le camere a una pulizia periodica, tanto più ravvicinata quanto maggiore è l’afflusso di ospiti.

All’esterno dei servizi igienici degli spazi comuni vengono messi a disposizione distributori di gel con una concentrazione di alcol al 60-85% per l’igiene delle mani, con l’indicazione di igienizzare le mani prima dell’accesso e anche all’uscita.

Nel caso di presenza di una persona con COVID-19 all’interno dei locali aziendali, si procede alla pulizia e sanificazione dei suddetti secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute nonché alla loro ventilazione.

 

Impianti di condizionamento

Considerando che la qualità dell’aria indoor ha un’importante influenza sulla salute nelle condizioni di emergenza associata all’epidemia virale SARS-CoV-2, l’Azienda mette in atto le seguenti azioni e raccomandazioni generali per il mantenimento di una buona qualità dell’aria indoor negli ambienti di lavoro, come indicato nel Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020, quali:

- gli ambienti comuni e le camere sono dotati di sanificatori Pure & Clean Tecnologia Active Pure che agiscono 24 ore su 24

- si garantisce un buon ricambio dell’aria in tutti gli ambienti dove sono presenti postazioni di lavoro e personale aprendo con maggiore frequenza le diverse aperture;

- Si aumenta la frequenza della manutenzione / sostituzione dei pacchi filtranti dell’aria in ingresso

- Relativamente agli impianti di riscaldamento/raffrescamento che fanno uso di pompe di calore, fancoil o termoconvettori, qualora non sia possibile garantire la corretta climatizzazione degli ambienti tenendo fermi gli impianti, si puliscono settimanalmente in base alle indicazioni fornite dal produttore, ad impianto fermo, i filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati.

- Le prese e le griglie di ventilazione vengono pulite con panni puliti in microfibra inumiditi con acqua e sapone, oppure con alcool etilico al 75%;

 

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (Ristorante e Bar)
All’ingresso delle aree destinate alla somministrazione di alimenti e bevande è sempre obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro tra una persona ed un’altra.

Sono messi a disposizione del personale e degli ospiti gel alcolico con concentrazione di alcol tra 60-85% per l’igiene delle mani, con ferma indicazione di utilizzo prima di accedere al ristorante/bar.

L’uso di appendiabiti comuni è vietato. Il servizio guardaroba viene fornito solo se è possibile evitare il contatto tra gli oggetti dei diversi ospiti (ad esempio, mantenendo adeguate distanze o utilizzando copriabito monouso e buste portaombrelli monouso).

 

Spazi comuni frequentati da soli lavoratori (cucina, dispensa, spogliatoio, bagno addetti…)

● Si organizzano le attività in modo da garantire un utilizzo differito degli spazi

● L’accesso dei lavoratori agli spazi comuni (es. spogliatoio) è consentito uno alla volta

 

Spazi comuni frequentati da lavoratori e clienti

● Si distribuiscono i tavoli assicurando la distanza di almeno un metro tra i commensali di tavoli vicini considerando la distanza da seduti. È consentita deroga per i conviventi. Nel caso di due o più persone non conviventi devono essere garantite le distanze 1 metro seduta seduta e 1 metro fronte fronte o in alternativa mediante l’utilizzo di pannelli di separazione (ad esempio in plexiglas)

● Si favorisce l’adozione di menu e carta dei vini digitali o stampati su fogli monouso per limitare sia il contatto con i materiali sia quello tra clienti e lavoratori.

● Gli addetti di sala, che sono a contatto diretto con gli alimenti, devono indossare la mascherina e guanti (se necessari) e devono lavare o igienizzare le mani con gel alcolico frequentemente, accortezza che è richiesta anche ai clienti nel momento in cui saranno serviti i pasti.

● Le tovaglie sono sostituite ad ogni cambio di ospite. Nel caso siano utilizzati coprimacchia al di sopra delle tovaglie, vengono sostituiti quest’ultimi. Quando non è previsto l’utilizzo di tovaglie che coprono l’intera superficie del tavolo, il tavolo viene pulito dopo ogni servizio.

● I pasti sono gestiti con prenotazione obbligatoria

● Si predilige la dotazione dei tavoli con condimenti necessari (salse, condimenti ecc monodose);

● Alla cassa è posizionata adeguata segnaletica orizzontale per il distanziamento e di protezione;

● Piatti, bicchieri, posate e simili sono lavati in lavastoviglie a temperatura adeguata, in modo che possano essere disinfettati, inclusi gli oggetti che non sono stati utilizzati dai clienti in quanto potrebbero essere entrati in contatto con le mani degli stessi.

● Tovaglie, tovaglioli e altri tessuti per la tavola vengono messi in specifici sacchi per la lavanderia e il lavaggio deve assicurare la rimozione di agenti patogeni;

 

SERVIZIO

Il servizio di somministrazione è erogato dal personale, munito di attrezzatura adeguata, con servizio al tavolo e menu a la carta.

In alternativa le vivande verranno esposte, adeguatamente protette, per poi essere impiattate e servite al tavolo.

 

BUFFET

Il servizio a buffet viene effettuato solo se può essere garantito il distanziamento ed evitato l’affollamento. Gli alimenti esposti nel buffet vengono adeguatamente protetti. Nel caso non sia possibile, si installano le protezioni anti droplet. Gli ospiti, così come gli addetti alla somministrazione, devono essere dotati di mascherine. Pinze, cucchiai, mestoli e altri utensili a disposizione degli ospiti possono essere utilizzati solo previa igienizzazione delle mani con apposito dispenser, sostituiti con frequenza e lasciati in contenitori separati, al fine di evitare il più possibile il contatto diretto tra le mani degli ospiti e il cibo.

Ad ogni servizio si puliscono e se disinfettano tutte le superfici del buffet.

 

SERVIZIO IN CAMERA

Gli alimenti da somministrare tramite servizio in camera vengono trasferiti al piano su vassoi o tramite carrelli con contenitori chiusi o muniti di apposito coperchio. Durante il trasferimento si cura la protezione degli alimenti dalle contaminazioni accidentali da parte del personale, che dovrà indossare guanti e mascherina.

 

PREPARAZIONE DEGLI ALIMENTI

Gli addetti alla preparazione di alimenti hanno ricevuto un addestramento e/o una formazione in materia indossano la mascherina e i guanti, da cambiare con la frequenza indicata dai produttori. I guanti vanno cambiati, in particolare dopo aver svolto attività non legate al cibo, come l'apertura / chiusura manuale delle porte di entrata ed uscita dai locali cucina e lo svuotamento di contenitori. Si lavano frequentemente e sanificano periodicamente tutte le superfici e gli utensili a contatto con gli alimenti.

 

GESTIONE SPAZI APERTI

Le procedure adottate negli ambienti interni vengono applicate anche negli spazi esterni: al distanziamento tra i tavoli e delimitazione degli spazi

PROTOCOLLO PER L’ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI CENTRO BENESSERE
 

Tutte le attività vengono svolte esclusivamente su appuntamento.

Non è consentito l’accesso alla struttura a clienti con sintomatologia febbrile e/o simil-influenzale (tosse, congiuntivite) o clienti che negli ultimi 14 giorni abbiano avuto contatti con soggetti positivi al COVID-19 o sia rientrato da zone a rischio (indicazioni OMS);

Si predispone il materiale informativo sulle misure di igiene.

L’accesso alla struttura è regolato in modo da evitare assembramenti e attese negli spazi comuni.

L’ingresso è consentito solo indossando la mascherina.

 

Si assicura che ciascun lavoratore segua e gestisca la stessa cliente in tutte le fasi della lavorazione, per evitare promiscuità all'interno della stessa struttura;

All’ingresso del locale sono posizionati dispenser per detergere le mani e/o guanti monouso;

E’ consentita la presenza di un solo cliente per volta in area reception, servizi igienici e altri spazi comuni;

All’ingresso viene consegnato un sacchetto individuale monouso per raccogliere gli effetti personali del cliente da restituire al completamento del servizio.

La permanenza dei clienti all’interno dei locali è consentita limitatamente al tempo strettamente indispensabile all’erogazione del servizio/trattamento;

La distanza di sicurezza interpersonale tra lavoratore e cliente è garantita ogni qualvolta le fasi di lavoro lo consentano.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina chirurgica sia da parte del lavoratore che del cliente e la cura scrupolosa dell’igiene delle mani in quanto la maggior parte dei compiti legati alle mansioni richiedono il contatto diretto con il cliente e non consentono il rispetto della distanza minima di sicurezza (si mettono a disposizione la mascherina di cortesia anche per il cliente qualora ne sia sprovvisto);

Gli operatori indossano sempre guanti monouso; nei casi in cui non sia possibile l’uso di guanti (es. depilazione) vengono adottate le procedure di igiene previste dalla normativa vigente sia di settore che misure anti-contagio COVID-19 (si consiglia di non indossare anelli, bracciali, orologi);

Si procede, in relazione al Protocollo di sicurezza anti-contagio siglato il 24 aprile, ad accertare la temperatura corporea dei dipendenti e dei clienti in ingresso tramite termometro infrarossi, nel rispetto delle indicazioni in tema di tutela della privacy;

Si garantisce la pulizia e la sanificazione degli ambienti (secondo indicazioni del Ministero della Salute nella Circolare 5443 del 22/2/20 “Pulizia di ambienti non sanitari”) con frequenza di almeno due volte al giorno e comunque in funzione dell’affluenza, dei turni di lavoro e degli impianti di areazione, ponendo particolare attenzione anche alle superfici di contatto comuni quali porte, maniglie, corrimano, ecc.

Si garantisce il regolare ricambio di aria con aperture naturali ove possibile

Si privilegia l’utilizzo di dispositivi/strumenti monouso (lamette, aghi, teli…); per gli strumenti non monouso si seguono i protocolli di sanificazione, disinfezione, sterilizzazione, smaltimento nel rispetto delle procedure previste dalla normativa vigente in tema di igiene del settore.

Per i presidi in tessuto, si cambiano ad ogni cliente e si lavano con detergente e acqua ad alte temperature (60-90°);

E’ installata una barriera in plexiglas nella postazione del ricevimento.

Si utilizzano le visiere in plexiglas per i trattamenti face to face per i quali non può essere garantita la distanza interpersonale di un metro

Si igienizzano le postazioni di lavoro dopo ogni trattamento/servizio;

Si procede alla disinfezione/sterilizzazione di strumentazioni e dei servizi igienici dopo ogni utilizzo secondo le normative di igiene del settore;

Gli indumenti personali devono essere riposti in armadietto separato e chiuso ivi compresi gli oggetti personali (borsa, abiti, scarpe, telefono, ecc.);

Si utilizzano le soprascarpe monouso o scarpe igienizzabili;

Si utilizzano i camici e teli monouso o con lavaggio giornaliero degli indumenti e teli ad alta temperatura (60-90°) con prodotti igienizzanti;

Si garantisce l’accurata detersione/sanificazione dei lettini con ipoclorito di sodio-candeggina (diluizione dello 0,1% in cloro attivo) o alcool denaturato (almeno 70%), ed arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento.

Si ricevono i clienti esclusivamente per appuntamento, contingentando gli ingressi ed evitando ogni ipotesi di assembramento (tra un appuntamento ed un altro almeno 20 minuti per permettere la sanificazione e ventilazione dell’ambiente e degli strumenti);

Si prevede la distanza minima di almeno due metri tra le postazioni di trattamento, ad es, utilizzando postazioni alternate.

Si sterilizzano gli attrezzi per mezzo di autoclave o altri metodi di sterilizzazione equivalenti;

Si confezionano gli attrezzi stessi come avviene per la categoria medica dei dentisti;

Viene eseguita la sanificazione (secondo modalità Circolare ministeriale n. 5443 del 22/2/20 “Pulizia di ambienti non sanitari”) ad ogni ingresso/servizio di: mobilio, lettini, pavimenti e macchinari al fine di preservare la clientela da agenti patogeni;

 

PULIZIA E SANIFICAZIONE PISCINA/CENTRO BENESSERE

L’utilizzo della piscina è consentito solo in funzione di una limitazione di accessi, di ricambio frequente dell’acqua e di disinfezione, adeguata a prevenire l’esposizione a infezione Covid-19 da parte dei clienti sia nell’area di accesso che all’interno della vasca. L’accesso alla piscina è controllata attraverso un ingresso/uscita con numero contingentato in relazione alla capienza della struttura con una frequenza di 10mq per 4 persone. Tenuto conto che l’attività in piscina si presenta come un contesto dinamico deve comunque essere garantito dentro l’acqua il distanziamento tra le persone di almeno due metri con deroga per le persone appartenenti allo stesso nucleo familiare o conviventi.

 

L’ingresso in acqua è consentito solo dopo un’accurata doccia su tutto il corpo.

 

È obbligatorio l’uso della cuffia; è vietato sputare, soffiarsi il naso, urinare in acqua.

 

I bambini molto piccoli devono indossare pannolini contenitivi

 

Al fine di assicurare un livello di protezione dall’infezione assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 - 1,5 mg/l; cloro combinato ≤ 0,40 mg/l; pH 6.5 – 7.5. Si fa presente che detti limiti devono rigorosamente essere assicurati in presenza di bagnanti.

 

Per garantire il distanziamento sociale è preferibile che sia consentito il posizionamento solo sui lettini che devono essere usati da persone della stessa famiglia con asciugamano/telo mare di proprietà.

Ai clienti vengono forniti coprilettini monouso da riporre sui lettini sotto l’asciugamanto in dotazione.

L’ingresso in acqua è organizzato utilizzando consentendo il distanziamento sociale.

Gli addetti avranno cura di richiamare al rispetto delle regole ove necessario.

Gli arredi (ombrelloni, lettini, sdraie) a bordo piscina o area solarium, sono posizionati in postazioni fisse in maniera tale da garantire il rispetto delle distanze interpersonali. La distanza minima tra i lettini non può essere inferiore ai 1,5mt. Le attrezzature come lettini, sdraie, seggiole , panche sono giornalmente sottoposte a pulizia e disinfezione. Il titolare della struttura è tenuto ad informare i clienti e a mettere in atto tutte le indicazioni presenti nelle linee guida

 

GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA

Nel caso in cui una persona presente all’interno della struttura ricettiva (ospite, collaboratore, etc.) presenti febbre e sintomi di infezione respiratoria (tosse secca, febbre, mal di gola, difficoltà respiratorie) lo deve comunicare tempestivamente alla direzione aziendale. Se la persona che presenta i sintomi è un dipendente o un collaboratore, dovrà interrompere immediatamente l’attività lavorativa. La direzione aziendale provvede tempestivamente ad informare l’autorità sanitaria competente (contattando il numero Regionale 800936677) o la guardia medica. Al fine di ridurre al minimo il rischio di contagio, nell’attesa dell’arrivo dei sanitari, dovranno essere adottate le seguenti misure:

- fargli indossare una mascherina chirurgica;

- ridurre al minimo i contatti con altre persone;

- indirizzarlo alla propria stanza o a un ambiente isolato con la porta chiusa, garantendo un’adeguata ventilazione naturale;

- escludere l’impianto di ricircolo dell’aria, se possibile;

- solo in questo caso si utilizzano dispositivi di protezione facciale, copriabiti e maschera FFP2;

Kit protettivo

Presso la reception viene depositato un kit da utilizzare per coloro che presentano sintomi da Covid-19 o per coloro che si prendono cura di una persona affetta. Il kit comprende i seguenti elementi:

- mascherine di tipo FFP2;

- protezione facciale;

- guanti (usa e getta);

- grembiule protettivo (usa e getta);

- tuta a maniche lunghe a tutta lunghezza;

- copriscarpe (usa e getta)

- disinfettante / salviette germicide per la pulizia delle superfici e dei tessuti;

- sacchetto monouso per rifiuti a rischio biologico.

 

Pulizia degli ambienti del caso sintomatico

In stanze ed altri ambienti della struttura ricettiva in cui abbiano soggiornato casi confermati di Covid-19 prima di essere stati ospedalizzati verranno applicate le misure di pulizia di seguito riportate. A causa della possibile sopravvivenza del virus nell’ambiente per diverso tempo, i luoghi e le aree potenzialmente contaminati da SARS-CoV-2 devono essere sottoposti a completa pulizia con acqua e detergenti comuni prima di essere nuovamente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l’uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia. Per le superfici che possono essere danneggiate dall’ipoclorito di sodio, utilizzare etanolo al 70% dopo pulizia con un detergente neutro. Vanno pulite con particolare attenzione tutte le superfici toccate di frequente, quali superfici di muri, porte e finestre, superfici dei servizi igienici e sanitari. Durante le operazioni di pulizia con prodotti chimici, viene assicurata la ventilazione degli ambienti. La biancheria da letto, le tende e altri materiali di tessuto devono essere sottoposti a un ciclo di lavaggio con acqua calda a 90° C e detergente. Qualora non sia possibile il lavaggio a 90° C per le caratteristiche del tessuto, addizionare il ciclo di lavaggio con candeggina o prodotti a base di ipoclorito di sodio). Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa gli appositi dispositivi di protezione individuale (filtrante respiratorio FFP2, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe). Al termine delle operazioni, seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei dispositivi di protezione individuale (svestizione).

  

RESPONSABILITA’ DEL GESTORE

Il gestore pone in essere tutte le condizioni per il rispetto delle regole e dei comportamenti prescritti dal presente protocollo senza tuttavia essere direttamente responsabile di eventuali condotte contrarie da parte dei singoli clienti.